Nicola Voltan, CEO di Siav: Il mondo digitale del futuro? Integrazione, innovazione e conoscenza

Nicola Voltan, CEO di Siav, spiega quali sono i tre pilastri sui quali si fonderà il mondo digitale del futuro e poi definisce Silloge un prodotto che ridefinirà gli standard dell’Enterprise Information Management in Italia. Ci tiene a sottolineare la centralità delle persone e, a conferma di questo, l’importanza di lavorare su aspetti come comunicazione e coinvolgimento per mantenere un clima lavorativo di successo.

Nicola-Voltan-Siav

1) Siav, nel corso dei suoi 30 anni di storia, ha aiutato e continua ad aiutare centinaia di clienti di prestigio a digitalizzarsi. Quali sono le fondamenta sulle quali si ergerà il mondo digitale del futuro?

“Il mondo digitale del futuro a mio avviso si baserà su 3 aspetti.
Il primo è quello relativo all’innovazione tecnologica. Mi riferisco sviluppare elementi nuovi e ad oggi non conosciuti, su cui ad esempio noi abbiamo un team dedicato. Ma anche applicare tecnologie esistenti in modo nuovo su determinati processi (vedi ad esempio i temi cari ad Industry 4.0 con il cloud, mobile e IoT).
Il secondo aspetto, a mio avviso ancor più importante, riguarda la conoscenza, intesa come l’impiego di strumenti che forniscano maggiore consapevolezza, come ad esempio sui processi aziendali e non a caso abbiamo sviluppato una soluzione di Process Mining, o che sappiano integrare in modo intelligente informazioni da e per differenti utenti.
Ultimo elemento, ma non meno importante, è l’integrazione. Nel mondo digitale del futuro le soluzioni leader del mercato saranno quelle che riusciranno quindi a connettere tutti i processi di un’organizzazione in maniera efficiente, tenuto conto dell’eterogeneità delle esigenze, degli utenti, degli uffici e dei sistemi informativi che caratterizzano le aziende moderne.

2) A proposito di futuro e nuove tecnologie, da pochi giorni è stato lanciato sul mercato Silloge, il nuovo prodotto di Siav dedicato alla collaborazione e alla gestione efficace di documenti e processi.

Silloge è il software dedicato al Digital Workplace che unisce ai quasi 30 anni di esperienza di Siav nell’ECM le più innovative e avanzate tecnologie disponibili sul mercato.
Per la realizzazione di questa nuova piattaforma è stato compiuto un consistente investimento che poche o nessuna azienda oggi potrebbero permettersi.
Si tratta di uno strumento che pone l’Utente e i processi al centro, semplificando la collaborazione e potenziando l’integrazione con i diversi sistemi aziendali. Sono convinto che Silloge ridefinirà gli standard dell’Enterprise Information Management in Italia e avrà le caratteristiche per affrontare i mercati internazionali con successo.

3) Dall’inizio del 2016 ad oggi il numero dei dipendenti è aumentato del 20% e l’azienda conta quasi 200 Collaboratori. Come interpreta questi risultati? Qual è il ruolo dei giovani in questo contesto?

“Il nostro lavoro è fortemente basato sulle persone: è pertanto naturale che alla crescita dell’azienda aumenti anche il numero dei collaboratori. Un aspetto che detiene un ruolo di cruciale importanza è il processo di recruiting. Oltre ad un’attenta valutazione delle competenze dei candidati è fondamentale che la loro personalità sia in linea con i valori di Siav e che siano dotati di soft skills quali la leadership, lo spirito d’iniziativa e la proattività.
I giovani costituiscono l’asse portante del presente e del futuro di questa azienda. Per questo motivo, da anni Siav è impegnata in numerose attività per costruire e sviluppare programmi dedicati ai giovani neo-laureati e neo-diplomati, prevedendo corsi di formazione per accrescere le conoscenze e stage formativi specifici anche con finalità di assunzione.

4) Tra l’ambiente di lavoro e il benessere delle persone esiste una relazione molto stretta. Lei è d’accordo? Qual è il segreto per mantenere un clima lavorativo di successo?

Assolutamente. Da sempre il mercato del lavoro riconosce il nostro approccio serio, etico, professionale e dinamico in grado di mettere al centro la persona. Per questa ragione Siav, oltre ad essere un’impresa conosciuta, è divenuta nel tempo un luogo di lavoro sempre più attrattivo.
I due aspetti chiave per avere un ambiente lavorativo positivo e propositivo sono la comunicazione ed il coinvolgimento. Per potenziarli stiamo lavorando a tutti i livelli: organizzando task formativi continui e massicci, valorizzando i talenti e stimolando tavoli di lavoro trasversali dove tutti possono contribuire, fino anche a proporre nuovi modelli organizzativi (come ad esempio quello di tipo circolare). Un ruolo fondamentale lo detengono anche i programmi dedicati al team building e allo svolgimento di attività outdoor ed esperienziali: aiutano lo sviluppo delle soft skills, favoriscono la collaborazione tra i team e rafforzano il senso di appartenenza.