Con la recente conversione in legge del D.L. semplificazioni, n. 135 del 14 dicembre 2018, la blockchain prende vita all’interno del nostro ordinamento giuridico.

Infatti l’art. 8-ter del decreto definisce:

  • le “tecnologie basate su registri distribuiti”, attribuendo ai documenti memorizzati attraverso di esse gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica;
  • gli “smart contract”, attribuendo ad essi il soddisfacimento del requisito della forma scritta, previa identificazione informatica delle parti.

Il riconoscimento giuridico è solo il primo passo verso la definizione di un quadro normativo che possa favorire lo sviluppo di tali tecnologie. Sarà necessario attendere 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto, periodo entro il quale l’AgID dovrà emanare apposite regole tecniche, per comprendere quali standard tali tecnologie dovranno rispettare affinché possano produrre gli effetti giuridici che il decreto gli attribuisce.

Il Libro Unico del Lavoro è stato istituito nel 2009 per effetto del D.Lgs. n.112 del 25 giugno 2008 che ne ha previsto l’obbligo di produzione mensile, a partire dal 2009, con esplicita possibilità di tenuta sia analogica che digitale. Dal 2009, dunque, per le aziende italiane è possibile generare il LUL come documento informatico.

Continua a leggere

Con il Decreto Legge 119/2018 il legislatore nazionale rafforza l’obbligo di scambiare la documentazione processuale esclusivamente con modalità digitali.
In particolare, all’art.16, stabilisce che in caso di impossibilità di notificare tramite PEC per ragioni legate al destinatarioil mittente non sarà tenuto ad effettuare altre notifiche.

Continua a leggere